- eRecycling

Soluzione settoriale «VFAS»: soluzione di smaltimento sostenibile per i commercianti di veicoli

Il 1o gennaio 2022 SENS eRecycling e l’Associazione Svizzera dei Commercianti di Veicoli Indipendenti (VFAS) hanno lanciato la soluzione settoriale «VFAS», che consente ai soci di VFAS di usufruire dell’esenzione dal pagamento della tassa e offre una procedura standardizzata per la raccolta, il trasporto e il riciclaggio di batterie per uso industriale e per veicoli. La soluzione settoriale «VFAS» è finanziata da un contributo di riciclaggio anticipato e adeguato all’economia di mercato.

I produttori e gli importatori di batterie sono soggetti all’obbligo di dichiarazione e di pagamento della tassa ai sensi dell’Ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici (ORRPChim). In seguito a un’esenzione ottenuta dalla VFAS nel 2017, fino al 31 dicembre 2021 le batterie per veicoli e per uso industriale erano escluse da questa tassa. A partire dal 1o gennaio 2022, questa esenzione generale di pagamento non vale più. I produttori e gli importatori di batterie devono ora versare a INOBAT una tassa di smaltimento anticipata (TSA) di CHF 1.60/kg. A causa del rapido aumento nelle vendite di batterie per la propulsione di veicoli (elettrici, plug-in, ibridi e mild hybrid), era indispensabile che i commercianti di veicoli si assumessero la responsabilità di sostenere i costi di smaltimento e contribuissero allo sviluppo di una soluzione sostenibile per il riciclaggio.

La soluzione settoriale «VFAS» assicura uno smaltimento ecologico delle batterie
La soluzione settoriale «VFAS», messa a punto da SENS eRecycling e dall’Associazione Svizzera dei Commercianti di Veicoli, è basata su procedure efficienti, semplici e intuitive per i clienti, al fine di assicurare un riciclaggio completo e di alta qualità delle batterie non più in uso nei veicoli. Su richiesta, i produttori e gli importatori possono essere esentati dall’obbligo di pagamento della tassa, se garantiscono uno smaltimento ecocompatibile delle batterie nel quadro di una soluzione settoriale o in base a particolari condizioni di mercato. La soluzione settoriale «VFAS» soddisfa i criteri previsti dalla legge e offre inoltre ai propri soci la possibilità di contribuire a rafforzare l’economia circolare svizzera chiudendo dei circuiti come quello del riciclaggio o conferendo una seconda vita ai prodotti.

Gli importatori paralleli vendono una quantità sproporzionatamente maggiore di auto elettriche
Con la vendita di veicoli «verdi», gli importatori paralleli forniscono un contributo importante alla riduzione delle emissioni di CO2 in Svizzera. L’analisi delle immatricolazioni di nuove vetture mostra che in tre anni gli importatori indipendenti hanno aumentato la quota di veicoli elettrici, passando dal 5 percento a oltre il 39 percento. Insieme ai veicoli ibridi, la quota di mercato degli importatori indipendenti raggiunge quindi un considerevole 62 percento in questo settore. Ben più di una vettura nuova su due importata tramite commercianti indipendenti dispone così di una propulsione alternativa.

Chi è l’Associazione Svizzera dei Commercianti di Veicoli Indipendenti
Dal 1956 l’Associazione rappresenta gli interessi dei commercianti di veicoli indipendenti in Svizzera, opponendosi a tutte le limitazioni e gli ostacoli che vengono posti al commercio indipendente di veicoli. Si impegna senza compromessi per la promozione di quest’ultimo e per l’istituzione di standard di alta qualità. Secondo i rilevamenti dell’Associazione Svizzera dei Commercianti di Veicoli indipendenti, l’importazione diretta e parallela genera annualmente un valore aggiunto per l’economia nazionale di 1,5 miliardi di franchi svizzeri.