- eRecycling

Molto utile:
Quale percentuale di un apparecchio elettrico può essere effettivamente riutilizzata?

È risaputo che gli apparecchi elettrici ed elettronici contengono molti materiali riciclabili che possono essere riutilizzati. Ma quanto è grande la quota di materiale riciclabile? 30%, 50% o anche molto di più?

Prima di rispondere a questa domanda, è necessario chiarire il significato di "riciclabile". Nell'eRecycling si distingue tra materiali riutilizzabili e riciclabili.

Un buon esempio di materiali riciclabili sono i vari metalli presenti negli apparecchi elettrici. Ad esempio, ferro, acciaio al cromo, alluminio, rame o ottone. Durante il processo di riciclaggio, questi metalli vengono frantumati, agglomerati e poi separati gli uni dagli altri. In questo modo si garantisce che le frazioni metalliche vengano restituite al ciclo dei materiali nella forma più pura possibile, dove vengono riutilizzate come materie prime secondarie per la fabbricazione di nuovi prodotti. 


Non riutilizzabili ma comunque riciclabili
Anche alcune plastiche tecniche sono riciclabili. Altre plastiche, invece, come i compositi con silicone e gomma o quelle contenenti ritardanti di fiamma a base di bromo, non possono essere riciclate. Tuttavia, possono essere riciclati: ad esempio come combustibile sostitutivo nei cementifici o per la produzione di elettricità e calore negli impianti di incenerimento dei rifiuti.

Il tasso di riciclaggio misura la percentuale di materiali riutilizzabili in un apparecchio elettrico. Il tasso di recupero comprende anche la percentuale di materiali riciclabili. È quindi sempre almeno pari, ma spesso superiore, al tasso di riciclaggio. Un terzo rapporto che viene talvolta citato in relazione all'eRecycling è il tasso di raccolta. È il rapporto tra il numero di apparecchi elettrici raccolti e riciclati e il numero totale di apparecchi immessi sul mercato. 


Quanto è alta la quota di materiale riciclabile nella realtà? 
In media, il tasso di riciclaggio è del 75%. Il leader della categoria tra gli elettrodomestici è il frullatore a mano, che è composto per il 99,1%, cioè quasi interamente da materiali riciclabili. Il tasso di riciclaggio di una caffettiera è del 79,9%, quello di un avvitatore a batteria del 67,7% e quello di un robot aspirapolvere del 65,7%. Il tasso di riciclaggio dei frigoriferi è dell'85% e quello dei grandi elettrodomestici del 78%. 

Nel complesso, la quota di materiali riciclabili negli apparecchi elettrici è elevata. Ma non ancora così alto da poter parlare di una vera economia circolare. Un'economia di questo tipo - almeno questa è la visione - si basa su un tasso di riciclaggio di quasi il 100%. Per raggiungere questo obiettivo a lungo termine, il concetto di riciclaggio deve svolgere un ruolo ancora più consistente di oggi nello sviluppo dei prodotti. Questo è l'unico modo per garantire che i prodotti siano progettati fin dall'inizio in modo tale che sia davvero possibile riciclare tutti i materiali che compongono un dispositivo.